News

5 Passi di buon senso per non subire il sovraccarico di informazioni

Uno studio del 2009 ha rilevato che l’americano medio consuma 34 gigabyte di contenuti e 100.000 parole di informazioni ogni giorno, certamente più di quanto i nostri antenati abbiano mai gestito: l’iPhone era appena uscito da 1 anno, chissà quante informazioni oggi conteniamo. Nuotiamo in un mare sempre più turbolento di informazioni e storie: quelle che diciamo a noi stessi, quelle che raccontiamo agli altri, quelle che ascoltiamo nelle notizie e quelle che scegliamo su Netflix – e che leggiamo nei libri, ascoltate su podcast e segui su Facebook, Instagram e Twitter. La ricerca suggerisce che queste storie hanno un forte impatto sul nostro benessere.

  1. Capire quali informazioni ti aiutano

Alcune forme di narrativa sono profondamente nutrienti. Uno studio condotto presso la New School for Social Research ha rilevato che la lettura della narrativa letteraria, in particolare (al contrario dei thriller o dei romanzi best-seller) aiuta le persone a sviluppare le competenze di cui hanno bisogno nelle relazioni sociali, come la capacità di vedere dal punto di vista di un’altra persona. In particolare, i partecipanti che leggono la narrativa letteraria erano più in grado di leggere le emozioni negli occhi di altre persone – un’abilità critica per determinare lo stato mentale di un’altra persona. I ricercatori ritengono che l’ingrediente chiave della narrativa letteraria sia che migliora le tue capacità creative e intellettuali man mano che arrivi a comprendere i personaggi di un romanzo. La capacità di comprendere che un’altra persona ha i propri pensieri e sentimenti è qualcosa che gli psicologi chiamano Theory of Mind. Gli psicologi dello sviluppo credono che la teoria della mente inizi nei bambini piccoli e piccoli e continui a svilupparsi nel tempo. La lettura offre nuove prospettive e la capacità di vedere il mondo attraverso l’esperienza di qualcun altro. Inoltre, creare e scrivere  notizie o articoli può  aiutarci e persino insegnarci nuovi modi di pensare o agire. Sono quelli che condividiamo con gli altri, raccontiamo ai nostri amici e continuiamo a pensare per giorni. Ci aiutano a riflettere su problemi e vita in modi più profondi e più significativi. E abbiamo un profondo bisogno di significato – il che ci rende profondamente soddisfatti, come dimostra Emily Esfahani Smith nel suo libro The Power of Meaning. Un modo per aiutare ad elevare gli altri è quello di pubblicare noi stessi notizie edificanti.

  1. Tagliare le informazioni che sono distruttive

Altre forme di narrazione, d’altra parte, possono essere estenuanti e persino distruttive: il costante afflusso di notizie negative, tristi o traumatiche che arrivano sulla nostra strada, film violenti e pornografia, così come la costante raffica di pubblicità e informazioni irrilevanti. Proprio come “noi siamo ciò che mangiamo” lo stesso vale per i tipi di informazioni che assorbiamo. A cosa vuoi pensare alla fine della giornata, che tipo di pensieri vuoi che ti girino in testa?

  1. Esercitare il controllo del volume

Anche quando le narrazioni che ci circondano sono nutrienti, possono comunque essere travolgenti. Come un amico ha condiviso con me, “Penso di soffrire di sovraccarico narrativo. Così tanti progetti, storie – qualunque cosa – che anche se tutti siano “buoni”, mi sento ancora abbagliato. “Abbiamo tutti bisogno di confini rigidi intorno ai tipi e ai numeri della narrativa che perseguiamo e accettiamo.

  1. Costruisci la resilienza

Data la mole di informazioni che ingeriamo ogni giorno, è una sorpresa che ci sentiamo sopraffatti, esausti e stressati? Certo, è meraviglioso essere così in contatto con il mondo, e questo è un momento di enorme libertà di parola e di scambio di informazioni, ma è più importante che mai essere in grado di disconnettersi per mantenere la nostra sanità mentale. Ecco alcuni suggerimenti basati sulla scienza che aiutano: • Pratiche di base come passeggiate nella natura, meditazione, esercizio fisico e digiuni tecnologici possono aiutarci ad essere centrati.

  • Verbalizzare le nostre esperienze e sentimenti parlandone o scriverle ha anche dimostrato di essere profondamente terapeutico.
  • Le pratiche di respirazione che ho descritto nel mio libro The Happiness Track (link is external) possono calmare il nostro sistema nervoso in momenti, la nostra ricerca con individui altamente stressati (veterani con traumi) lo ha dimostrato. In tal modo, recupereremo la capacità di recupero di cui abbiamo bisogno. Invece di essere sopraffatti e distratti, torniamo in contatto con noi stessi. Riacquistiamo la consapevolezza dei nostri valori e ci viene ricordato ciò che per noi è veramente importante. Fondamentalmente, per rimanere fedeli a noi stessi, dobbiamo rimanere in contatto con la nostra narrativa principale.
  1. Comprendere l’impatto dell’auto-focus

Anche la forma della nostra narrativa è critica. I sentimenti depressi o ansiosi, per esempio, sono spesso accompagnati da narrazioni di auto-concentrazione che ruotano intorno a “me, me stesso e io” come il personaggio centrale. Tuttavia, le notizie sono spesso progettate per provocare una sorta di ansia – perché? Perché attira la nostra attenzione Quando leggi articoli che ti fanno sentire che non sei abbastanza bravo (le riviste femminili e le riviste per uomini mettono a fuoco le diete e l’aspetto sono particolarmente bravi in ​​questo), questi articoli possono lasciarti insicuro. Di conseguenza, ci sentiamo più distaccati e soli. Siamo meno in grado di connetterci con gli altri e più propensi a covare pensieri negativi.

Tuttavia, esercizi semplici come concentrarsi sulle cose per cui ci sentiamo grati, ricordando quanto nella nostra vita sta andando bene, facendo una meditazione di gentilezza amorevole focalizzata sull’invio di amore agli altri, facendo un corso di yoga o esercizio fisico o impegnandosi in atti di il servizio può spostare rapidamente il nostro discorso interiore in positivo ed elevato.

  1. Non evitare

La sofferenza, il dolore e la malattia sono situazioni che preferiamo evitare, eppure sono inevitabili, e anch’esse hanno un’influenza potente e talvolta benefica. Come dice Sri Ravi Shankar: “Le difficoltà ti rendono più profondo”. Un modo in cui ti rende più profondo è che inizi a capire che il dolore fa parte della narrazione umana. E questa è una realizzazione potente.

La felicità è qualcosa che tutti vogliono; il dolore è qualcosa che nessuno desidera. Realizzando fondamentalmente questo punto, inizi a partecipare a una narrazione in cui scegli attivamente di non ferire gli altri. Diventi più consapevole: del cibo che mangi, delle parole che dici, delle azioni che fai. Il dolore degli altri diventa il tuo dolore.

Come una madre mi ha detto l’altro giorno: “Ogni volta che do da bere il latte di mucca al mio bambino, il mio cuore fa male per la mucca che è stata strappata con la forza dal suo vitello per produrre il latte per noi.”  Il concetto Yin e Yang di l’ahimsa o la non violenza provengono da una profonda comprensione del fatto che il dolore altrui è anche il nostro dolore. Quindi tu tesserai una nuova storia: una narrazione in cui cammini con leggerezza e delicatezza, in cui parli consapevolmente e compassionevolmente, in cui agisci con consapevolezza e con amore.

Copyright Emma Seppala Ph.D. 2018 (c)

This article first appeared on Spirituality & Health

5 thoughts on “5 Passi di buon senso per non subire il sovraccarico di informazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *